WSBK, Rea domina le libere del Venerdì a Donington

Niente da fare contro il cannibale Johnatan Rea che quest’anno, dopo qualche  incertezza a inizio campionato, pare deciso a non concedere più nulla agli avversari.

Le modifiche al regolamento che miravano a tarpargli le ali sembrano avergli restituito ulteriore fame, e la voglia di dimostrare di essere il più forte sempre e comunque. Al di là della straripante superiorità del campione del mondo resta la conferma di una Kawasaki che ormai ha risolto le difficoltà iniziali e si dimostra velocissima anche con Sykes.

Il meteo non ferma le Kawasaki, Ducati fatica

Il turno della FP1 del mattino si disputava sotto la pioggia, con temperature basse ed un forte vento. Il clima avverso tuttavia non era sufficiente a mettere in difficoltà la Kawasaki e tantomeno Johnatan Rea. Il campione del mondo infatti rimaneva per quasi tutta la sessione rintanato nel box, lasciando il compagno di squadra e gli altri piloti alle prese con le insidie del tracciato. La pioggia si rivelava un’occasione per gli specialisti del bagnato, tra cui Loris Baz con la Bmw e Leon Camier con la Honda, al rientro in gara dopo il recente infortunio.  Era tuttavia Tom Sykes  a comandare la classifica dei tempi fino a pochi minuti dal termine, quando Rea si decideva ad entrare in pista e si faceva bastare 6 soli giri per strappare il miglior tempo, davanti a Syjes, Baz, Camier, Mercado, Canepa, qui in gara come wild card con la Yamaha, e Melandri, staccato  di oltre due secondi dalla vetta. Sessione difficile per Davies,  che  chiudeva tredicesimo.

La FP2 del primo pomeriggio si disputava in assenza di pioggia ma con pista ancora umida, ed i tempi iniziavano a calare. Ancora una volta erano le Kawasaki a comandare, e Rea  dimostrava la propria totale sicurezza scendendo in pista per soli otto giri, sufficienti a portarlo in cima alla classifica dei tempi. Stavolta però proprio allo scadere del turno Sykes gli restituiva il favore, staccando il miglior crono. Alle spalle del duo Kawasaki, Lowes, Camier, Baz, Savadori, Fores, Melandri e Davies.

Il terzo e conclusivo turno della FP3  finalmente con pista asciutta e vedeva ancora il dominio Kawasaki, con miglior tempo di Rea in 1.28.003  che precedeva Sykes di due decimi. Ottimo terzo tempo per Lorenzo Savadori staccato di mezzo secondo, poi Lowes, Laverty, van Der Mark, Haslam, Baz, Ray con la Suzuki e Melandri che chiudeva la top ten. Questi sono anche i dieci piloti che accedono direttamente alla SP2. Giornata da dimenticare per Davies che conferma lo scarso feeling con Donington ma anche le difficoltà della Ducati ed è solo sedicesimo, domani dovrà passare dalla Sp1.


Alfonso Paduano
alfonso.paduano@gmail.com

Giornalista Pubblicista Docente di educazione e sicurezza stradale Membro della Commissione Sportiva ACI-CSAI Campania Co-autore e conduttore del format TV Motor & Fashion Direttore responsabile della testata giornalistica online Motor & Fashion Magazine (piattaforma crossmediale sul mondo dell'Automotive, dei Motori, del Motorsport, della Moda, del Lifestyle e degli Eventi) Istruttore di Guida Sicura, Guida Sportiva Guida Veloce, Drifting Istruttore di Guida Sicura/Difensiva (Certificazione AIASCERT/Milano n° 008/2016) Istruttore di guida sicura della scuola di pilotaggio ASC Quattroruote Co-fondatore e Direttore Commerciale di "Guidare Sicuri" prima Scuola di Pilotaggio auto della Campania Referente tecnico ACI-Delegazione Napoli per la formazione negli istituti scolastici Formatore Driver Tester


TOP