MotoGP, Marquez trionfa a Motegi e regala il titolo costruttori alla Honda

Quarta vittoria consecutiva per Marc Marquez che si impone nella gara di casa della Honda e regala alla casa di Tokio anche il mondiale costruttori e quello per team. Un dominio incontrastato frutto di un ruolino di marcia stupefacente, fatto di dieci vittorie e cinque secondi posti sulle sedici gare finora disputate.

Secondo posto meritatissimo per Fabio Quartararo e terzo gradino del podio per un ottimo Andrea Dovizioso protagonista di una gara tutta in rimonta. Nuova giornata da dimenticare invece per Valentino Rossi, incappato in una scivolata quando era undicesimo in una corsa che ha visto tre Yamaha nei primi sei posti della classifica finale.

Marquez inavvicinabile sul passo, delusione Ducati

Che Marquez avesse un netto margine di vantaggio sul passo di gara si era visto già nelle FP4 di ieri e la conferma veniva dal warmup di stamattina, con il solo Quartararo capace di contenere il distacco. La Yamaha si è comunque confermata nei suoi miglioramenti su un tracciato divenuto ostico in seguito all’avvento della gommatura Michelin. Delude invece la Ducati, su una pista in passato decisamente favorevole alla moto di Borgo Panigale. L’ottima gara di Dovizioso non basta a salvare il bilancio di quella che doveva essere l’occasione sulla carta più favorevole da qui alla fine del campionato. Petrucci ha infatti chiuso nono al termine di una gara incolore mentre Miller dopo un inizio gagliardo ha perso terreno finendo decimo.

La cronaca

Al via Marquez scattava subito al comando e manteneva la posizione dopo un attacco di Quartararo. Alle spalle del campione del mondo il francese precedeva Morbidelli, Miller, Dovizioso, Vinales, Crutchlow, Petrucci e le Suzuki di Mir e Rins. Valentino Rossi dopo una brutta partenza che lo vedeva retrocedere in quattordicesima posizione, faticava a risalire restando ai margini della top ten. In testa alla gara Marquez martellava il suo passo allungando progressivamente, con il solo Quartararo capace di mantenersi a poco più di un secondo. Con il passare dei giri Morbidelli, partito con la gomma posteriore soft come Quartararo e Vinales, perdeva progressivamente terreno subendo il sorpasso di Dovizioso e Vinales. Il forlivese resisteva ai tentativi di attacco di Vinales e aumentando il ritmo arrivava a vista d Quartararo mentre a cinque giri dal termine finiva la gara di Rossi, vittima di una chiusura dell’anteriore mentre era undicesimo. Marquez gestiva il vantaggio in totale sicurezza precedendo all’arrivo Quartararo e Dovizioso, protagonista di un’ottima prestazione. Quarto posto per Maverick Vinales e quinto per il redivivo Cal Crutchlow che nelle fasi finali aveva la meglio su Morbidelli. Settimo ed ottavo posto per le Suzuki di Rins e Mir che precedevano le Ducati di un anonimo Petrucci e di jack Miller.

Le altre classi

In Moto3 grande giornata per i nostri colori con la splendida vittoria di Lorenzo Dalla Porta davanti ad Arenas e Vietti. Incrociando le dita, la gara di Motegi potrebbe rivelarsi la svolta decisiva del campionato vista la caduta a sette giri dalla fine di Aron Canet, diretto rivale di Dalla Porta nella corsa al titolo. Il pilota italiano dopo un inizio in pieno controllo si portava al comando della corsa chiudendo ogni possibile varco nelle fasi finali. Grande prova anche di Celestino Vietti capace di agguantare il podio a poche curve dal traguardo. Con l’affermazione di oggi Dalla Porta allunga a più 47 punti su Canet in classifica generale a tre gare dalla fine della stagione.
Anche la Moto2 parla italiano con la nuova affermazione di Luca Marini che bissa il successo thailandese dopo essere scattato dalla pole position. Il pilota del Team VR46, a lungo al comando della corsa, dopo aver subito il ritorno dello svizzero Luthi si riportava in testa a due giri dalla fine precedendo all’arrivo lo stesso Luthi e Martin, quest’ultimo al primo podio nella categoria. Quarto posto per Baldassarri, settimo per Bastianini e decimo per Manzi. Alex Marquez, oggi sesto, resta al comando della classifica generale.

MotoGP, ordine di arrivo

1 25 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 161.9 42’41.492
2 20 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 161.8 +0.870
3 16 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 161.8 +1.325
4 13 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 161.7 +2.608
5 11 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 161.3 +9.140
6 10 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 161.3 +9.187
7 9 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 161.3 +9.306
8 8 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 161.2 +10.695
9 7 9 Danilo PETRUCCI ITA Ducati Team Ducati 161.0 +14.216
10 6 43 Jack MILLER AUS Pramac Racing Ducati 160.7 +18.909
11 5 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 160.3 +25.554
12 4 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Tech 3 KTM 160.1 +27.870
13 3 63 Francesco BAGNAIA ITA Pramac Racing Ducati 160.0 +29.983
14 2 82 Mika KALLIO FIN Red Bull KTM Factory Racing KTM 159.9 +31.232
15 1 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 159.9 +32.546
16 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 159.6 +37.482
17 99 Jorge LORENZO SPA Repsol Honda Team Honda 159.4 +40.410
18 17 Karel ABRAHAM CZE Reale Avintia Racing Ducati 159.2 +43.458
19 55 Hafizh SYAHRIN MAL Red Bull KTM Tech 3 KTM 159.0 +46.206
20 50 Sylvain GUINTOLI FRA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 158.8 +50.235

MotoGP, classifica generale

1 Marc MARQUEZ Honda SPA 350
2 Andrea DOVIZIOSO Ducati ITA 231
3 Alex RINS Suzuki SPA 176
4 Maverick VIÑALES Yamaha SPA 176
5 Danilo PETRUCCI Ducati ITA 169
6 Fabio QUARTARARO Yamaha FRA 163
7 Valentino ROSSI Yamaha ITA 145
8 Jack MILLER Ducati AUS 125
9 Cal CRUTCHLOW Honda GBR 113
10 Franco MORBIDELLI Yamaha ITA 100
11 Pol ESPARGARO KTM SPA 85
12 Takaaki NAKAGAMI Honda JPN 74
13 Joan MIR Suzuki SPA 66
14 Aleix ESPARGARO Aprilia SPA 47
15 Francesco BAGNAIA Ducati ITA 37
16 Miguel OLIVEIRA KTM POR 33
17 Andrea IANNONE Aprilia ITA 33
18 Johann ZARCO KTM FRA 27
19 Jorge LORENZO Honda SPA 23
20 Tito RABAT Ducati SPA 18
21 Stefan BRADL Honda GER 16
22 Michele PIRRO Ducati ITA 9
23 Sylvain GUINTOLI Suzuki FRA 7
24 Hafizh SYAHRIN KTM MAL 7
25 Karel ABRAHAM Ducati CZE 5
26 Mika KALLIO KTM FIN 2
Alfonso Paduano

Giornalista Pubblicista Docente di educazione e sicurezza stradale Membro della Commissione Sportiva ACI-CSAI Campania Co-autore e conduttore del format TV Motor & Fashion Direttore responsabile della testata giornalistica online Motor & Fashion Magazine (piattaforma crossmediale sul mondo dell'Automotive, dei Motori, del Motorsport, della Moda, del Lifestyle e degli Eventi) Istruttore di Guida Sicura, Guida Sportiva Guida Veloce, Drifting Istruttore di Guida Sicura/Difensiva (Certificazione AIASCERT/Milano n° 008/2016) Istruttore di guida sicura della scuola di pilotaggio ASC Quattroruote Co-fondatore e Direttore Commerciale di "Guidare Sicuri" prima Scuola di Pilotaggio auto della Campania Referente tecnico ACI-Delegazione Napoli per la formazione negli istituti scolastici Formatore Driver Tester


TOP